Google I/O, due contestatori interrompono il keynote d'apertura

L’atteso keynote di oggi di Google è stato interrotto in due diverse occasioni da altrettanti contestatori. Ecco cosa sappiamo.

Doppia intrusione durante il keynote di apertura di questa edizione 2014 di Google I/O - qui il liveblog dell’evento - due diverse interruzioni per motivi diametralmente opposti, uno serio e più che condivisibile, l’altro decisamente folle e colorato.

Una donna non identificata ha cominciato a gridare dalla platea durante l’intervento di Dave Burke, engineering director di Android. La protesta non era rivolta a lui, ma all’avvocato Jack Halprin e a Google in generale per quanto sta accadendo a San Francisco.


LEGGI ANCHE: Google Domains, il colosso di Mountain View entra nel mondo dei domini web

La donna stringeva in mano una t-shirt con la scritta “develop a conscience, stop Jack Halprin” - sviluppa una coscienza, ferma Jack Halprin - uno degli avvocati di Google accusato da alcuni cittadini di averli sfrattati da una proprietà nel popolare quartiere cittadino di Mission Dolores e di essersi stabilito nel complesso.

Non è la prima volta che qualcuno accusa l’azienda di Mountain View di aver colonizzato la città di San Francisco con esperti e collaboratori. Questi, visto lo stipendio d’oro, sono portati ad acquistare un’abitazione in città e i proprietari delle case non ci pensano due secondi prima di trovare una scusa per sfrattare gli affittuari che non possono permettersi di acquistare gli appartamenti e venderli al miglior offerente.

La contestatrice di oggi si riferiva proprio a questo.

Google Hosts Its Annual I/O Developers Conference


LEGGI ANCHE: Google Doodle di oggi per il Campionato Mondiale di Calcio 2014 del Brasile

La seconda interruzione, invece, era di tutt’altro tenore. Mentre Urs Hölze era sul palco, un uomo si è alzato in piedi e dalla platea ha iniziato a gridare frasi a proposito di macchine assassine:

Voi lavorate tutti per un’azienda totalitaria che costruisce macchine che uccidono la gente. Sapete che è così!

In entrambe le occasioni la sicurezza del Moscone Center ha scortato fuori dalla struttura i due disturbatori, che al momento non sembrano avere collegamenti tra di loro, e il keynote è potuto continuare senza particolari disagi.

  • shares
  • +1
  • Mail