L’angolo della nostalgia: i software di ieri, Encarta

Encarta è stata per anni l'enciclopedia pubblicata da Microsoft, che ne ha decretato ufficialmente la fine nel 2009.

Tra le enormi enciclopedie che popolavano le librerie delle case e l'attuale Wikipedia, c'è stato anche qualcos'altro. È sicuramente passata una vita, e in termini tecnologici anche di più, da quando negli anni '90 l'incontro tra sapere e informatica era rappresentato anche da Encarta, l'enciclopedia multimediale (termine particolarmente in voga all'epoca) realizzata da Microsoft.

L'enciclopedia Encarta è stata pubblicata dall'azienda di Redmond dal 1993 al 2009, incontrando nel corso degli anni radicali cambiamenti causati naturalmente dal cambiare della scena tecnologica: fino al 2008, anno in cui la versione inglese di Encarta Premium poteva contare su oltre 60.000 articoli, insieme a foto, video e altro materiale consultabile direttamente via Internet, attraverso un abbonamento annuale.

Leggi: L’angolo della nostalgia: i software di ieri, Napster
encarta-95

Ma per molti, Encarta è stata l'enciclopedia consultabile infilando CD e DVD all'interno del lettore del proprio PC, con traduzioni in innumerevoli lingue tra le quali naturalmente anche l'italiano. La fine di Encarta è stata sancita da Microsoft nel marzo 2009, con l'annuncio che anticipò la chiusura definitiva del sito MSN Encarta per il 31 ottobre dello stesso anno. L'unica sezione sopravvissuta, quella del dizionario all'indirizzo dictionary.msn.com, è andata avanti fino al 2011.

Piccola curiosità: il nome in codice dell'enciclopedia multimediale di Microsoft è stato per diverso tempo Gandalf, uno dei protagonisti de Il Signore degli Anelli. Il nome Encarta fu coniato per Microsoft da un'agenzia pubblicitaria.

Post dal passato: Microsoft Encarta ufficialmente dismessa

Foto | Reddit.com

  • shares
  • +1
  • Mail