Ricordi la melodia ma non il nome della canzone? È normale: non sei un computer

La Iowa University scopre alcune novità sul nostro cervello, e sul perchè sappiamo cantare una canzone ma non ne ricordiamo il nome - Ecco perchè gli umani non sono come la famosa app Shazam.

GUARDA: le GUI di Shazam e Midomi, servizi per riconoscimento musicale

Alcuni studiosi della Iowa University hanno approfondito una questione che, prima o poi, fa uscire di testa chiunque: avete presente quando si canticchia perfettamente la melodia e persino i testi di una canzone, ma nessuna forza nel cosmo vi permette di ricordarne il titolo?

No, non siete malati. Semplicemente come tutti gli altri esseri umani state attivando due zone del cervello diverse, tradizionalmente chiamate “memoria linguistica” e “memoria musicale”. Il fatto che il nostro cervello sia ripartito in “dipartimenti” neppure troppo stagni è un fenomeno affascinante, che ha i suoi risvolti positivi e negativi, tra i quali c’è anche questo “bug” - ma facciamo come le industrie del software, chiamiamolo piuttosto una “feature”. Dopo tutto capita spesso che chi balbetta possa cantare scorrevolmente, quindi non tutto il male viene per nuocere.

L’esperimento della Iowa University


Per individuare finalmente le zone linguistiche e le loro controparti musicali, gli studiosi americani hanno suddiviso un campione di 30 pazienti neurologici in tre gruppi. 10 di loro erano il gruppo di controllo, ovverosia individui sani. 10 erano affetti da lesioni cerebrali, mentre i restanti 10 avevano danni localizzati al solo lobo temporale sinistro.

Se sottoposti a un ascolto rapido di una traccia, roba da 8-12 secondi, il primo e il secondo gruppo hanno dato risposte giuste all’80%, il terzo invece si è fermato al solo 50%.

LEGGI ANCHE: Vuoi mantenere in forma la memoria? Ecco sei semplici esercizi da Benessereblog

Il risultato, come spesso accade in neurologia, è più complesso di quanto sia apparente. Il lobo temporale sinistro infatti non è l’area specifica del linguaggio, ma una zona in cui i segnali vengono smistati, di “convergenza”. Fa da mediatore tra le zone del cervello e ci consente di dire che un oggetto, una canzone, un volto sono unici. Alcune persone che subiscono delle lesioni importanti, per esempio, non sono più in grado di riconoscere che una penna è lo stesso oggetto se viene solo vista o solo toccata con le mani, rimuovendo gli altri sensi dall’equazione.

Il passo successivo è di ripetere il tentativo usando un campione di persone con lesioni alla zona temporale destra. L’ipotesi è che sia danneggiata la loro capacità di riconoscere le melodie.

I computer sono più bravi


Gli esseri umani sono capaci di sconfiggere i computer nel riconoscere gli schemi nascosti dentro un’immagine o un processo (guarda ad esempio il gioco del GO), ma quando si tratta di confrontare uno schema con un altro per identificarlo, un computer è imbattibile. Infatti, sebbene la nostra memoria faccia molto spesso schifo per quello che riguarda i titoli delle canzoni, il PC (o meglio, i server di un servizio apposito) non sbagliano un colpo. Se hanno abbastanza dati arriveranno SEMPRE a un risultato.

Per questa ragione, non state troppo a lambiccarvi il cervello. Tirate fuori lo smartphone e usatelo per togliervi tutti i dubbi su quella canzone che vi tormenta, ma che non riuscite proprio a inquadrare:


    GUARDA: le GUI di Shazam e Midomi, servizi per riconoscimento musicale

  • Midomi: questo servizio su browser consente di canticchiare una melodia, che sarà poi confrontata con il suo database, arrivando a una risposta. Lo possiamo definire un motore di ricerda musicale a tutti gli effetti, e tutti i telefonini hanno un microfono per sentirvi cantare - e anche la maggior parte dei laptop. Vi conviene essere almeno leggermente decenti nella vostra abilità canora, e orientarvi più sulle canzoni in lingua inglese.


    GUARDA: le GUI di Shazam e Midomi, servizi per riconoscimento musicale

  • Shazam: l’esplosione di popolarità di questa app è ben meritata. Presente su Android e iOS, consente di individuare nome e origine di ogni brano diffuso nell’aria. Utile per quando si è in un locale e si sente una canzone che piace davvero - ma anche per riconoscere il titolo di un film o telefilm. Verranno condivise anche informazioni sull’artista, video, concerti nella zona e così via.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail