Twitter, il 44% degli iscritti non ha mai inviato un tweet

428 milioni di account non avrebbero mai scritto un tweet, in seguito all'iscrizione a Twitter.

Il problema principale di Twitter sarà anche quello di attrarre nuovi utenti, ma a quanto pare il social network deve anche preoccuparsi per la percentuale di iscritti che non fa un uso attivo della piattaforma. Questo è quanto ci indica il nuovo report pubblicato da Twopcharts, secondo il quale il 44% dei 974 milioni di account totali non ha mai inviato neanche un singolo tweet.

Diventa interessante a questo punto incrociare i dati con quanto riportato a febbraio da Twitter in modo ufficiale, nel report che parlava di 241 milioni di utenti attivi nel corso degli ultimi tre mesi del 2013: per la piattaforma, il significato di utente attivo prevede che egli abbia effettuato il login al servizio almeno una volta al mese, senza dunque prendere in considerazione i messaggi inviati.

Secondo Twopcharts, dunque, ci sarebbero circa 542 milioni di account che hanno inviato almeno un tweet da quando si sono iscritti, mentre il 30% di tutti gli account attivi avrebbe inviato in totale un numero di tweet esiguo, tra 1 e 10. Al di sopra dei 100 tweet ci sarebbe invece solo il 13% degli utenti attivi iscritti a Twitter: una percentuale decisamente bassa, che dimostra come il social network debba darsi da fare per coinvolgere maggiormente gli utenti a partecipare alle conversazioni.

Questione di soldi


twitter

È innegabilmente vero che, per come è progettato, Twitter può essere usato regolarmente anche senza scrivere nulla: sul feed ci sono talmente tante cose da leggere, sugli argomenti più disparati, che un iscritto può semplicemente collegarsi al servizio per usarlo come fonte di news, o per seguire una o più persone famose di cui è fan.

È altrettanto vero, però, che un uso attivo della piattaforma può spingere gli utenti a tornare con maggiore frequenza a visitare il proprio account, senza contare il vero problema del mancato uso attivo: una maggiore attività può infatti permettere a Twitter di guadagnare più soldi. È infatti con la somma di tweets, retweet e "stelline" che il social network può ottenere ricavi dalla pubblicità.

Via | Wsj.com

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • +1
  • Mail