Turchia, i provider intercettano gli IP dei server DNS di Google

Gli indirizzi IP 8.8.8.8 e 8.8.4.4 sarebbero intercettati dai provider turchi, per spiare le connessioni ai server DNS di Google.

Dopo il blocco di Twitter e YouTube, la censura in Turchia passa anche per i server DNS pubblici di Google. Per chi non dovesse sapere di cosa stiamo parlando, si tratta dei server 8.8.8.8 e 8.8.4.4, utilizzabili da tutti come alternativa per la risoluzione dei nomi: in alcuni casi per velocizzare la navigazione rispetto ai server DNS del proprio provider, in altri per aggirare eventuali blocchi imposte dalle autorità locali.

Con un post sul proprio blog, Google ha annunciato che i provider turchi starebbero di fatto intercettando le connessioni ai suoi server DNS:

"Abbiamo ricevuto diverse segnalazioni credibili e confermato con le nostre ricerche che il servizio Domain Name System (DNS) di Google è intercettato da molti ISP (Internet Service Provider) turchi."

Credendo di visitare gli indirizzi IP dei server di Google, i cittadini turchi sarebbero invece reindirizzati verso server gestiti dai propri provider, probabilmente con lo scopo da parte del governo di spiare le attività compiute sul proprio territorio. Servizi come quelli della società di Mountain View e OpenDNS erano stati usati negli ultimi giorni per aggirare i blocchi di Twitter e YouTube, ma a quanto pare le autorità hanno effettuato la loro contromossa.

turchia-bandiera

Via | Theverge.com
Foto | Wikipedia

  • shares
  • Mail