Vine Stars, ecco come diventare ricchi 6 secondi alla volta

La piattaforma dei "microvideo" di Twitter, Vine, è diventata un terreno di caccia per le agenzie pubblicitarie. E le nuove "star" di questo media, tutti ragazzi giovanissimi, sono improvvisamente i loro migliori amici.

Diventare delle star su YouTube ormai è un’impresa difficile, senza investire ingenti quantitativi di tempo e danaro, anche perché lo stesso network, pilotato dal padrone Google, spinge proprio per la “professionalizzazione” della piattaforma.

Vine invece è una terra selvaggia: la piattaforma video gestita da Twitter è dedicata a microvideo di 6 secondi, una filosofia che pare limitante, ma che in realtà scatena la fantasia e l’originalità. Ovviamente Vine ha il suo gruppo demografico perfetto, ed è estremamente popolare presso teenager e ventenni. Al punto che le prime star di Vine (ragazzi che possono vantare milioni di follower), stanno iniziando a trasformare in un lavoro la propria presenza sulla piattaforma.

Per farvi un esempio, Cody Johns, protagonista assieme al fratello Marcus della collezione di Vine in cima all’articolo ci si è pagato tutta la retta universitaria. Cody ha 24 anni, e suo fratello, che ne ha 20, ha seriamente considerato di lasciare la scuola per dedicarsi a una carriera nel mondo dei video. Non si tratta di guadagni stratosferici - ma qualcosa come $20.000 in un anno sono decisamente una cifra rispettabile.

Popolari in sei secondi


8078d1389776480-vine-android2.jpg

Lauren Giraldo, riporta Business Insider, ha 16 anni. I suoi Vine sono “pulitissimi” - Per non dare un “cattivo esempio” dice lei, e anche per non far dispiacere a sua madre. Per lo più si tratta di scene originali e comiche, una battuta video di 6 secondi girata nella sua camera e frutto di un’ispirazione rapidamente trasformata in vignetta. È una ragazza spiritosa, che sa creare e non si fa paranoie.

Ogni mese Lauren accetta da una a trenta campagne pubblicitarie, e si fa trattare con rispetto. I Vine pubblicitari sono pubblicati tra i suoi - la sede della vera popolarità risiede nella paternità del video - e sono cancellati dopo sei giorni, se così desidera. Una campagna pubblicitaria le frutta in media attorno ai $2.000, per darvi un'idea.

I fratelli Johns invece sono molto più deliberati. I loro Vine hanno una storia dietro, sono ideati a tavolino e su un “set”, con uno scambio di opinioni con gli amici. Ci vogliono trenta minuti per creare quei sei secondi finali, ma l'impegno paga. Eventi come i Grammies e gli Academy Awards e brand miliardari hanno contattato le top 20 star di Vine per chiedere loro aiuto e promozione.

Nessuno di questi giovani vuole restare una “Vine Star” per tutta la vita, ma come inizio di una carriera televisiva o cinematografica, direi che non è male per nulla.

  • shares
  • Mail