Getty Images apre le porte, gratuitamente, a Twitter e ai blog personali

A sorpresa, Getty ha deciso di rendere disponibile gratuitamente, soltanto per l'embed, una vasta porzione del suo archivio fotografico.

Sin dalla sua fondazione, nel 1993, l’agenzia fotografica Getty Images ha fatto pagare per le foto del suo vastissimo archivio di immagini, da ormai da tempo molte delle immagini fornite a pagamento finivano comunque su Twitter o siti internet personali, indicizzate da Google e quindi saccheggiate senza particolari attenzioni.

Da qui, è evidente, la decisione dell’agenzia di Seattle di fare un grosso favore agli utenti e rendere disponibile gratuitamente l’embed di una ricca porzione delle immagini dell’archivio Getty e la possibilità di condividerle su Twitter e Tumblr senza sborsare un centesimo. Ovviamente l’utilizzo delle stesse non deve essere a fini commerciali.

Per facilitare l’operazione, Getty Images ha messo a disposizione degli utenti uno strumento di embed. Tutto quello che dovete fare è scegliere una delle migliaia di immagini selezionate per questo esperimento, cliccare sul simbolo dell’embed, copiare e incollare il codice nel vostro sito personale. Se, invece, volete condividere quell’immagine su Tumblr o Twitter vi basterà scegliere l’icona che trovate sotto alla foto e condividere il contenuto.

Craig Peters, senior vice president of business development presso Getty, ha commentato così la decisione di aprire a tutti una parte dell’archivio:

Non pensiamo che questo significhi rinunciare allo store. Pensiamo che si tratti dell’apertura a una nuova opportunità per il nostro business.

getty-images-embed


Per visualizzare tutte le immagini messe a disposizione da Getty Images per l’embed, cliccate qui e armatevi di santa pazienza: stiamo parlando di più di 12 milioni di fotografie.

  • shares
  • Mail