LinkedIn va alla conquista della Cina: lanciata la versione in cinese semplificato

LinkedIn ha deciso di cedere alla censura del governo cinese e ha da poco lanciato una versione del social network in cinese semplificato.

In barba alla forte censura applicata su Internet dalla Cina, il social network LinkedIn ha deciso di sbarcare nella Repubblica Popolare Cinese lanciando una versione localizzata per gli utenti cinesi, con tanto di blog collegato in cinese semplificato.

Lo scopo di questa mossa è chiaro a tutti. LinkedIn è già utilizzato da tempo da utenti cinesi, si parla di almeno 4 milioni di utenti, ma con una versione in cinese semplificato l’azienda spera di aumentare del 50% il bacino totale degli utenti, che ora si aggira intorno ai 277 milioni con una presenza in oltre 200 Paesi.

Il social network del lavoro segue così l’esempio della concorrenza e si prepara alla conquista di uno dei Paesi più popolati d’oriente, con una versione di LinkedIn perfettamente integrata con Sina e Tencent, permettendo così agli utenti di importare in LinkedIn i loro contatti. Manca ancora qualche funzione, come ad esempio i gruppi, ma si tratta pur sempre in una versione beta.

A proposito di censura, il CEO Jeff Weiner ha spiegai:

Come condizione per operare nel Paese, il Governo cinese impone una censura alle piattaforme su Internet. LinkedIn supporta fortemente la libertà di espressione e disapprova la censura del Governo. Allo stesso tempo, però, crediamo che l’assenza di LinkedIn in Cina impedisca ai professionisti cinesi di connettersi con gli altri utilizzando una piattaforma globale, limitando così l’abilità dei cittadini cinesi di approfittare di opportunità economiche e sogni che sono importanti per loro.

linkedIn-cinese


Di base, quindi, una versione censurata di LinkedIn è meglio di nulla, e milioni di nuovi utenti, per il futuro del social network, sono meglio degli attuali.

Via | LinkedIn

  • shares
  • +1
  • Mail