Facebook compra WhatsApp, Google voleva offrire di più ma non ha fatto in tempo

Google è stata battuta da Facebook sul tempo per l'acquisto di WhatsApp

Emergono nuove indiscrezioni sulle trattative legate all'acquisto di WhatsApp da parte di Facebook: come ben sapete, la società di Mark Zuckerberg ha acquistato il servizio di messaggistica instantanea - anche se non si tratta di un'acquisizione vera e propria, visto che il CEO di Whatsapp farà parte del consiglio direttivo di Facebook -; in molti, però, si son chiesti come mai l'azienda acquisita non abbia vagliato le proposte delle altre compagnie ed è proprio su questi retroscena che si sono soffermati gli ultimi pettegolezzi. Ma facciamo il punto.

L'acquisizione è avvenuta per circa 16 miliardi di dollari, di cui 12 di azioni e 4 in contanti, più altri 3 miliardi di dollari bonus, per un totale di 19 miliardi; una cifra decisamente più elevata rispetto a quella che Google aveva offerto prima che le trattative si concludessero: il colosso di Mountain View, infatti, non era molto convinto del servizio di messaggistica - anche perché ha già Hangout, che ha, però, una reputazione molto meno buona rispetto a WhatsApp - e ha deciso di fermarsi a 10 miliardi.

Page in ritardo: una Google insicura perde l'occasione


whats

Oggi apprendiamo che Larry Page ha fatto pressioni sul direttivo di WhatsApp, perché, nel caso in cui fosse stato convinto dal servizio, sarebbe stato disposto a sborsare molto di più di 19 miliardi: una controfferta che però non ha potuto fare, visto che è arrivato in ritardo e WhatsApp ha giustamente preferito non rischiare.

Non sappiamo quale sarà il futuro di WhatsApp (sicuramente ci sarà un bel po' di pubblicità nelle prossime versioni), ma siamo disposti a scommettere che il lavoro del nuovo team darà sicuramente degli ottimi risultati.

Via | Comunità Digitali Blogosfere

  • shares
  • +1
  • Mail