Secondo Telenor, bloccare l'accesso ai siti web è una violazione della democrazia

Secondo Telenor, bloccare l'accesso ai siti web è una violazione della democrazia Nei mesi passati il più grande provider norvegese, Telenor, era stato trascinato in tribunale per essersi rifiutato di bloccare l'accesso a ThePirateBay. Dopo un po' di tempo, il provider è tornato su quella decisione spiegandone i motivi.

Tutto è iniziato con l'ultimatum della IFPI che aveva chiesto a Telenor di bloccare l'accesso a ThePirateBay entro 14 giorni. La spiegazione di Telenor è la seguente:

"Se Telenor è ritenuta complice di qualsiasi attività illegale online, il provider avrebbe dovuto bloccare numerosi altri siti in merito a qualsiasi sospetto di attività illegale. Telenor avrebbe dovuto, quindi, agire come una sorta di polizia privata o autorità di censura, il che sarebbe molto preoccupante per la libertà di parola. "

Secondo Telenor, quindi, la richiesta di blocco sarebbe inaccettabile. La pirateria è, si, un problema, ma non si può censurare Internet per risolverlo.

Telenor ritiene che il modo migliore per ridurre il file sharing illegale è quello di trovare delle soluzioni per rendere disponibili i contenuti scaricabili legalmente. L'industria della musica e dello spettacolo devono trovare sistemi per monetizzare i contenuti. Bloccare l'accesso ai siti web, invece, è una violazione ai diritti che costituiscono i presupposti per la democrazia.

Via | Torrentfreak.com

  • shares
  • +1
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: