Twitter citato in giudizio per un account non ufficiale di James Dean

Nuovi guai giudiziari per Twitter, citato in giudizio per un account non ufficiale di James Dean.

Citazione in giudizio per Twitter, presentata in queste ore nello stato dell’Indiana da CMG Worldwide, un’agenzia statunitense che si occupa di tutelare l’immagine di molti di divi di Hollywood ormai deceduti. Tra questi c’è anche James Dean, scomparso nel 1955 all’età di 24 anni.

Tutte nasce da un account su Twitter dedicato proprio all’attore di Gioventù Bruciata, un account gestito da un fan che si limita a postare foto, frasi celebri, citazioni e ricordi. Nulla di sconvolgente, di account del genere ce ne sono tantissimi, ma da regolamento di Twitter devono indicare che si tratta di account non ufficiali.

L’account di James Dean non reca la dicitura prevista e qualcuno di quegli 8000 follower potrebbe quindi pensare che si tratti proprio di un account ufficiale, gestito da chi detiene i diritti dell’immagine del divo. Da qui le numerose richieste di rimozione dell’account presentate da CMG Worldwide nel corso dell’ultimo anno.

james-dean-twitter


Dopo i no di Twitter, l’azienda ha deciso di agire per vie legali, scegliendo di rivolgersi allo stato dell’Indiana, uno dei più favorevoli in fatto di tutela dell’immagine delle celebrità. La richiesta di CMG Worldwide è semplice: chiudere l’account che sta violando l’Indiana Crime Victim's Act e danneggiando l’immagine di James Dean.

L’azienda ha citato in giudizio Twitter e il proprietario dell’account incriminato, che di fatto sta violando i termini e le condizioni del servizio del social network cinguettante, secondo le quali il nome dell’account non deve presentare l’esatto nome del soggetto e deve indicare chiaramente che si tratta di un account non ufficiale.

Via | The Hollywood Report

  • shares
  • +1
  • Mail