Satya Nadella, il CEO di Microsoft criticato duramente dall'ex dirigente Joachim Kempin

"Satya Nadella non sa neanche pronunciare la parola consumatore". Parola di Joachim Kempin, che critica così il CEO di Microsoft.

Classe 1942, Joachim Kempin è un ex dirigente di Microsoft ormai in pensione, dopo essere arrivato nel punto più alto della sua carriera a ricoprire il ruolo di Senior Vice President. Nel 2012, Kempin ha scritto il libro Resolve and Fortitude: Microsoft's "Secret Power Broker" Breaks His Silence, all'interno del quale ha criticato anche duramente l'attuale dirigenza dell'azienda di Redmond, descrivendolo così:

"Il board di Microsoft è fatto di anatre zoppe, lo è sempre stato. Assumono persone per aiutarli ad amministrare la società, non per guidarla. Questo è il problema."

La recente investitura di Satya Nadella come nuovo CEO di Microsoft, non poteva dunque lasciare Kempin indifferente. L'occasione per sparare a zero è stata offerta dall'intervista rilasciata a Dan Lyons, nella quale il settantaduenne ci è andato giù pesante:

"Non sa come si dice CONSUMATORE o DEVICE. È un debole, dedicato alla servitù dell'azienda. Il suo obiettivo dichiarato è portare innovazione più velocemente sul mercato. Nessuna esperienza in questo campo. Il modo migliore per farlo sarebbe vendere alcune parti della società ed eliminare un sacco di grasso. Ma non lo farà."

Anche la presenza di Bill Gates e Steve Ballmer all'interno dell'azienda saranno nocive al lavoro di Satya Nadella:

"Bill e Steve sono ancora nel consiglio. Il nuovo presidente non è una persona notevole. Ci saranno molte ombre tra il CEO e le altre persone."

Avrà davvero ragione Joachim Kempin, o il suo astio nei confronti di Microsoft è solo il frutto di vecchie ruggini? Solo il tempo ce lo dirà.

Via | Theregister.co.uk

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: