Facebook, scrive sulla bacheca della madre per Natale: arrestato latitante

Una strana storia di dipendenza da Facebook

foto facebook

Certe volte, la dipendenza da Facebook arriva a questi livelli: un latitante di venticinque anni - Ennaji Abdelmounim -, cittadino del Marocco che era cercato sin dal 22 ottobre 2010, non è riuscito a mettere a freno l'impulso di voler scrivere alla madre sul social network di Mark Zuckerberg ed è stato arrestato.

Il messaggio è quello che sicuramente qualcuno di voi avrà scritto: "Mamma, grazie per la cena di Natale". Una frase affettuosa che, ovviamente, non poteva che costargli caro, avendo fornito ai carabinieri che lui, un latitante che le Forze dell'Ordine cercavano da circa sei mesi, fosse tornato a casa dai genitori, nell'appartamento in centro di San Stino. Ennaji Abdelmounim deve scontare due anni e cinque mesi per la rapina all'ex sentaore Marcello Basso: era l'ultimo componente in libertà di un trio.

La dipendenza da Facebook


La dipendenza da social network, insomma, può davvero fare danni, e non solo agli adolescenti (pensiamo soltanto a cosa sta succedendo su Ask): riesce difficile spiegare, infatti, come il delinquente abbia potuto pensare di farla franca, scrivendo su Facebook; è risaputo, in effetti, che, per questioni del genere, i dati di chi si connette vengono forniti e che, a partire da questi dati - che non si riducono soltanto all'indirizzo IP -, la polizia riesce facilmente a trovare chiunque.

Via | Leggo.it

  • shares
  • +1
  • Mail