Pirateria, perde causa contro la Fox: canadese condannato a pagare 10 milioni di dollari

Lo scorso ottobre la Fox è tornata alla carica e ha citato in giudizio l’amministratore del sito per violazione del copyright. Ora l'uomo deve pagare una somma altissima.


Ancora una causa legata alla pirateria digitale e finita con una condanna esemplare nel nuovo Continente. Stavolta siamo in Canada, dove un uomo è stato condannato a versare una somma pari a 10,5 milioni di dollari alla Fox per aver gestito due diversi siti, ora chiusi, che permettevano agli utenti di guardare in streaming tutti gli episodi dei Simpson e dei Griffin.

I due siti internet, Watch The Simpsons Online e Watch Family Guy Online, furono lanciati rispettivamente nel 2008 e nel 2009 e nel corso degli anni erano riusciti a conquistare milioni di utenti, per un totale di oltre 87 milioni di visitatori. I video non erano ospitati sul sito, che si limitava a mostrare gli episodi tramite un web player embeddato utilizzando fonti video di terze parti.

Questo, però, è bastato ad attirare l’attenzione della Fox, che trasmette negli Stati Uniti le due popolari serie animate. Già nei primi anni dalla loro nascita i due siti furono presi di mira, costretti a cambiare più volte dominio. Poi, dal 2010, le acque sembravano essersi calmate e “Joecool6101”, questo il nick dell’uomo, ha continuato a gestire e tenere in vita i due siti.

Il raid e l'avvio del procedimento

Lo scorso ottobre, però, la Fox è tornata alla carica e ha citato in giudizio l’amministratore del sito per violazione del copyright, con conseguente raid nell’abitazione dell’uomo e il relativo sequestro di tutte le apparecchiature elettroniche presenti al suo interno. Per lui è stato l’inizio della fine.

Joecool6101, non potendoselo permettere e non potendo di certo vincere, ha preferito non combattere contro la Fox, ma il procedimento è andato avanti senza di lui e poco prima di Natale è arrivata l’amara sorpresa: il giudice ha riconosciuto alla Fox un risarcimento da 10,5 milioni di dollari per i danni subiti, oltre a obbligare l’uomo a non commettere pirateria ai danni della Fox in futuro.

La replica del diretto interessato

Si tratta di una cifra enorme, il risarcimento più importante riconosciuto da un tribunale canadese e inflitto a una singola persona, un semplice cittadino che non riuscirà mai a pagare:

Fox vuole quei soldi e sta facendo di tutto per ottenerli. Mi hanno rovinato la vita e stanno continuano. Come ha detto uno degli avvocati, stanno uccidendo una mosca con una bomba atomica. Questa è stata l’esperienza peggiore che potessi immaginare, la Fox non ha nessuna piega quando si tratta di distruggerti la vita […] Non lo auguro a nessuno e spero vivamente che questi dinosauri riescano a dare ai propri utenti quello che stanno cercando, cioè la possibilità di vedere i loro contenuti online con facilità e velocità in tutto il Mondo.

Parola di Joecool6101, che continua a ricevere pressioni dalla Fox anche se è ben chiaro che non riuscirà mai a risarcire una cifra simile. E’ chiaro che la Fox abbia voluto fare di questo cittadino un esempio, ma siamo proprio sicuri che nessun altro prenderà presto il suo posto? O la major è così stupida da pensare che con un colpo del genere abbia posto un freno alla pirateria digitale dei suoi contenuti?

Via | TorrentFreak

  • shares
  • +1
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: