Winamp, salvataggio in extremis nel giorno della chiusura?

Winamp e Shoutcast sarebbero vicini alla vendita da parte di AOL, che potrebbe quindi rinunciare a chiuderli.

Come annunciato un mese fa, oggi 20 dicembre Winamp dovrebbe chiudere. Nonostante le parole di AOL lascino ben poco spazio a eventuali ripensamenti, usiamo il condizionale alla luce delle nuove voci di corridoio, secondo le quali il famoso player musicale potrebbe essere venduto a un'altra società.

L'argomento torna alla ribalta grazie a TechCrunch, al quale una fonte anonima avrebbe rivelato le trattative in essere tra AOL e un'azienda non specificata, per vendere sia Winamp che Shoutcast, servizio di streaming musicale. La stessa fonte si dice piuttosto sicura che l'accordo possa essere portato a termine, in quanto le contrattazioni sarebbero arrivate alle loro fasi finali.

In base a questo quindi, AOL potrebbe decidere di lasciare in vita entrambi i servizi in attesa di condurre in porto l'operazione. Ricordiamo che proprio dopo l'annuncio della chiusura di Winamp, si parlò di Microsoft come possibile acquirente del player e della piattaforma di streaming, anche se da allora non c'è più stato seguito.

Nel frattempo le richieste di salvare Winamp si sono moltiplicate in giro per Internet: una petizione su Change.org ha quasi raggiunto le 47.000 firme richieste dal suo organizzatore, tra i tanti a volere che lo storico player rimanga in vita dopo avere compiuto sedici anni.

Via | Neowin.net

  • shares
  • +1
  • Mail