Twitter, un grave passo falso sulla funzione "blocca utenti"

La furia degli utenti induce Twitter a tornare sui propri passi e non cambiare la politica del blocco utenti.

Twitter ha brevemente introdotto una nuova politica di blocco utenti, ma una terribile ondata di critiche e proteste ha indotto il social network a invertire la rotta e tornare sui propri passi.

Con la nuova funzione, gli utenti bloccati potevano continuare a vedere i tweet e restavano dei follower, ma non ricevevano alcuna notifica di essere stati bloccati. I loro tweet diventavano invisibili per l’utente, ovviamente, ma potevano continuare a seguirlo. L’idea di Twitter era di ridurre le possibilità di rappresaglie da parte di chi viene bloccato, ma allo stesso tempo rendeva più facile ad uno stalker tenere d’occhio le proprie vittime.

I tweet sono una comunicazione pubblica!


Vogliamo qui ricordare che i tweet sono delle comunicazioni pubbliche. Un utente non loggato su twitter può comunque di solito leggere quello che scriviamo anche se all’interno del servizio l’abbiamo bloccato. Nel caso di questa effimera nuova politica, avrebbe continuato a leggerci anche dopo il login, ed avrebbe addirittura potuto retwittare quello che dicevamo, renderli favoriti e replicare su di essi.

Un altro ragionamento di Twitter seguiva l’idea che gli utenti vanno resi più consapevoli di come “bloccato” non voglia dire “invisibile”. La piattaforma si basa sulla sua natura pubblica.

Siamo sicuri che Twitter ci abbia pensato bene, ma a quanto pare non sembrano aver calcolato molto bene l’impatto del loro geniale piano: se un bullo ci tormenta e noi non lo vediamo, tutti gli altri continuano lo stesso a leggere i suoi tweet. La rappresaglia funziona lo stesso, anche se il tormentatore deve capire di essere stato bloccato la cosa risulta chiara in poco tempo.

La furia degli utenti


La novità non è stata apprezzata. La rabbia degli utenti è stata tale e di tale livello che il direttivo di Twitter è stato costretto ad una riunione di emergenza. Hanno scelto di reintegrare il vecchio metodo di blocco (che non ha notifiche di sorta, vogliamo far notare).

Pertanto la politica è tornata quella precedente:

  • Gli utenti bloccati non possono più essere nostri follower
  • Le loro risposte e i tweet che ci menzionano non compaiono nelle nostre notifiche e non li possiamo leggere (compaiono nelle ricerche)
  • Non ci possono aggiungere alle liste
  • Non possono vedere la nostra immagine di profilo nella loro pagina o timeline

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: